Categorie
Salute

Come Depurare il Fegato

Il fegato è uno degli organi più importanti del corpo umano, perché si occupa di metabolizzare i cibi e di smaltire ogni sostanza che ingeriamo.

Proprio per questo motivo va tenuto sempre in perfetta efficienza, ed al primo sintomo di affaticamento si deve correre subito ai ripari.

È ciò che affronteremo in questa guida, dedicata a come depurare il fegato.

Fegato affaticato: da cosa dipende

Il primo campanello d’allarme di un fegato affaticato è un dolore persistente e acuto al fianco destro. Proprio lì si trova questo importantissimo organo infatti.

I motivi per cui il fegato può affaticarsi sono diversi, e possono dipendere da:

  • alimentazione ricca di grassi: i grassi, soprattutto quelli di tipo saturo, sono da consumare con moderazione. Eccedere con burro, carne rossa, formaggi grassi è un buon sistema per portare il fegato all’eccesso;
  • consumo eccessivo di alcolici: anche i liquori e gli alcolici andrebbero consumati con criterio. Un bicchiere di vino ogni tanto a pasto ad esempio può rappresentare un buon coadiuvante della salute, ma consumare regolarmente alcol può essere invece dannoso;
  • consumo eccessivo di fritti: anche i fritti andrebbero limitati, soprattutto facendo attenzione a non far salire l’olio di cottura oltre il punto di fumo, provocando la bruciatura dell’olio stesso con conseguenze nocive sulla salute
  • terapie farmacologiche prolungate: proprio perché attraverso il fegato passa tutto ciò che deve essere metabolizzato, si intuisce come una terapia a base di farmaci che duri nel tempo possa affaticare quest’organo;
  • stile di vita sregolato: in generale infine, uno stile di vita con molti eccessi non è salutare, e non solo per il fegato.

Se il fegato è affaticato, come si può depurare?

Come depurare il fegato

La prima cosa da fare per depurare il fegato è assumere un’alimentazione benefica che contenga:

  • fibre
  • carciofi
  • mirtilli
  • tisane depurative.

Le fibre aiutano l’organismo ad eliminare le tossine in eccesso, di fatto sollevando il fegato da un eccesso di lavoro.

I carciofi sono particolarmente indicati per depurare il fegato, grazie alla presenza della cosiddetta ‘cinarina’, dalle proprietà depurative e protettive proprio del fegato. La funzione di questa sostanza, tra l’altro, è quella di stimolare la produzione della bile.

I mirtilli hanno una potente azione antiossidante, e aiutano la circolazione sanguigna. Inoltre abbassano la concentrazione del colesterolo e svolgono un’azione antinfiammatoria.

Le tisane depurative sono poi molto utili per depurare il fegato, e possono essere preparate con alcuni ingredienti facilmente reperibili in erboristeria, come:

  • curcuma: la curcuma è una spezia particolarmente apprezzata per la sua azione antinfiammatoria e di stimolo per la produzione della bile;
  • cumino: ha una potente azione di eliminazione dei gas e di stimolo della bile;
  • menta: la menta è particolarmente consigliata proprio nei disturbi del fegato e più in generale per la digestione.

In erboristeria si possono trovare tisane che combinano tra loro diverse sostanze benefiche già pronte per la consumazione in acqua calda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *